Background Image

David D'APRILE

È un esperto nella creazione di opere d’arte tridimensionali. I suoi disegni prendono vita come in un cartoon. Gli oggetti si animano e rompono senza indulgenza, vetro e cornice, raggiungendo lo spettatore. In ogni sua opera una profondità insolita, un rilievo e un gioco di prospettive che lasciano senza fiato.I personaggi escono dalla tela per interagire con il pubblico, con un’enfasi su modelli, stilizzati, unici sia nelle forme che nelle trame. Un’arte tridimensionale la sua tutta da scoprire, non solo da vedere ma da vivere con giocosità e fantasia.
Mirela Coricciati
 
 
David D'Aprile
Nasce a Lecce, il 9 Dicembre 1984, nella terra del sole, del mare e culla della civiltà barocca. Un grande successo di publico nelle sue ultime mostre: "Holiday Art" 2017/18 Galleria d'Arte GERMINAZIONI IVª.0 Lecce e grande attenzione dalla critica: "Arte in Vetrina" 2018.
Sin da bambino esprime il suo talento artistico attraverso il disegno con "Goku" protagonista di Dragonball, cartoon tra i più celebri della fumettistica Manga giapponese, e sarà il soggetto preferito delle sue opere. In tutte le sue varianti Goku e le sue sfere permettono a David di "evolversi" come i suoi personaggi; ed imprimere sulle tele, dai colori energici e sgargianti,, tutta la sua passione e amore per l'arte.
Ebbene, proprio la passione nutrita nei confronti di Goku e compagni ha spinto David a disegnarlo. Non solo. Attraverso una tecnica particolare – da lui coniata “break the painting” (rompere il dipinto) – l’elemento di uno dei personaggi “imprigionati” nella tela fuoriesce rompendo il vetro, avvicinandosi a chi guarda. Insomma, la mano di Goku spacca la barriera che lo divide dalla realtà, poiché realizzata con materiale apposito. È vera, è fisica. La si può toccare.
Il Break Painting permette a David di liberare, nel vero senso della parola, la sua arte, e chissà forse di liberare se stesso dall'oppressione delle regole del vivere quotidiano, attraverso la rottura del vetro dei suoi quadri creando una continuità tra la realtà del dipinto e quella contemporanea, come a voler dire che l'arte è libera, è energia, è bellezza e non può essere intrappolata in una cornice bidimensionale.