Background Image

Antonella CUCINELLI

Emozioni da raccontare come nuvole nel cielo, vele nel vento, sbiancate dal sole e bagnate da un mare che ha il colore della memoria. Profumi e rumori ritornano negli spazi imperiali e giocano a ritrovare i paesaggi di quell'ultima visione marina.
Mirella Coricciati

 

 

Antonella Cucinelli
Nasce a Brindisi dove vive ed opera. Artista di formazione autodidatta, ha sempre coltivato la sua grande passione per la pittura, nella quale orienta principalmente la propria ricerca, cromatica, materica, non trascurando notevoli interessi tematici. Dal 2000 ha esposto nell’ambito di diverse manifestazioni, a Salisburgo nel 2005 -Sala Kraftwerk Riedersbarch e nel 2009 a Bruxelles-Amart Louise Gallery ottenendo consensi di critica e di pubblico.
La sua prima personale nel 2009 all'Expo Levante di Bari, qui le sue Vele spatolate su tela di jeans hanno conquistato e scoperto terre e mari.
Numerosi i riconoscimenti come – Trofeo Omaggio a Waldes COEN – 1° Classificato - nel 2010 a Trieste, contemporaneamente le sue opere sono state esposte all'Expo Universale, a Shanghai 2010. Sempre nel 2010 ha partecipato alla 1ª Biennale Internazionale Città di Lecce- Castello Carlo V.
La sua pittura esuberante dal colore avido e materico ha catturato Parigi (Francia) nel 2011-Grand Palais “Art en Capital”. Le sue tele piene di luce mediterranea sono state presentate nel 2012 da ArteVita Art&Co galleria Milano. Nel 2013 ha partecipato a “Il Mare” galleria Meridionale Castello Aragonese di Taranto. Sempre nel 2013 è stata presente in “Once Upon a Time” a Lecce Art&Co gallerie e nel 2016 “Arte a Palazzo” a Brindisi Palazzo Granafei Nervegna
La forza della sua pittura si libera nel colore e lì trova la resistenza della materia,nel 2017 le sue opere sono state presentate in” Holidey Art” Galleria Germinazioni IVª.0 Lecce.
 La sua arte, un grande effetto di contrasto del colore opaco, squillante, liscio, ruvido, toni che si incontrano e scontrano con la materia.
Queste sono le opere di Antonella Cucinelli uno spirito dolce sempre alla ricerca della propria anima.

 

 

 

Impronte interiori… di M. D’Addario
 
Chiunque si accosti alle opere di Antonella Cucinelli non ha certo l’impressione di trovarsi di fronte ad un semplice quadro ma ad un evento d’arte. L’artista infatti propone una ricerca costante che tende ad un superamento della realtà oggettiva ed approda in una vera “Action painting” dove la tela non è più spazio ove riprodurre forme reali o immaginarie ma un campo d’azione sul quale avviene un evento, il cui valore e significato non stanno più nel prodotto ma nell’atto del produrre. L’opera diventa azione, testimonianza dell’assistenza, una pittura che si traduce in un astratto concreto, che a sua volta rappresenta e profonda, ne risulta un opera “Materica” in cui l’azione si affida all’inconscio, al “gesto” inteso come traccia estemporanea e profonda. Ne risulta un opera “ Materica” in cui l’azione si affida all’inconscio, al “gesto” inteso come traccia estemporanea; impronte interiori di vita vissuta che riemergono attraverso una continua esperienza pittorica e psicologica.